VERSO L’ASSEMBLEA DELL’11 FEBBRAIO

Verso l’assemblea dell’11 febbraio – 2

Leggi   anche ”Verso l’assemblea dell’11 febbraio – 1

 

Bando per il   NUMERO UNICO del Comune di Milano

annullamento della sospensione

Il 16 gennaio, è stata depositata l’ordinanza del Consiglio di Stato che, accogliendo il ricorso presentato dal Comune di Milano, respinge l’istanza cautelare del TAR di Milano che sospendeva il processo di assegnazione del bando.

Lo riteniamo un passaggio importante per gli interessi della Categoria e del servizio taxi di Milano.

Non è ancora la sentenza sul ricorso delle CentraliRadio per il ritiro del Bando (che arriverà solo il 22 aprile), però il Comune può procedere subito all’assegnazione della gara, considerato che, argomenta il Consiglio di Stato , “nel bilanciamento dei contrapposti interessi (quello delle tre CentraliRadio e quello del Comune… ) risulta oggettivamente prevalente quello pubblico, sotteso alla necessità di assicurare la tempestiva attivazione da parte dell’Amministrazione del sistema di ricerca taxi di prossimità (NumeroUnico)…in aggiunta a quelli esistenti (Radiotaxi)…”

Quello di un sistema di chiamata   competitivo e coerente con la sua natura di “servizio pubblico” è un obiettivo che il mondo del taxi si pone ormai da circa vent’anni.

L’attuale sistema delle diverse Centrali RadioTaxi operanti sul territorio, che pure, per anni, hanno meritevolmente costituito una risposta importante (ed anche l’unica…) sia per il tassista che per il cliente, con l’avvento delle nuove tecnologie di comunicazione e l’emergere incontrollato di modalità innovative ed alternative di servizio, ha potuto reggere   solo scaricando un costo sempre più oneroso sulle spalle dei tassisti,   senza per questo evitare una riduzione sempre più pesante della propria competitività per l’insanabile frammentazione della flotta taxi derivata dal moltiplicarsi delle Centrali.

Non si conosce,   ad oggi, neanche fra gli addetti di   Categoria, il disegno di un ventilato progetto alternativo e vincente delle CentraliRadio (ma se non ne parlano con i tassisti, con chi pensano di costruirlo?…).

Il problema visto da fuori

 

Il servizio del 19/01/2015 sul Corriere della sera, pagine di Milano, dà l’idea di come vedono il problema fuori dalla Categoria:

il titolo: “ Numero unico, il ricorso dei tassisti bocciato dal Consiglio di Stato

l’iniziativa del Comune sul Numero Unico: “…osteggiata dalle associazioni di taxi, non dai singoli taxisti

la valutazione di merito del giornalista: “… per i tassisti rappresenterà una possibilità in più. Potranno infatti collegarsi sia al numero comunale, sia ai centralini privati che ora gestiscono il servizio”

A parte l’augurio che le associazioni dei tassisti, singolarmente o insieme, provvedano a sollecitare una rettifica da parte dell’articolista, noi concordiamo sull’affermazione che nessun singolo tassista possa essere interessato al fallimento dell’iniziativa del Comune, ma vogliamo   davvero pensare che nessuna OO.SS. o di Categoria possa seriamente osteggiare qualunque tentativo, da chiunque promosso, inteso a dare risposte non più rinviabili ai nostri problemi.

 

Come quelle che, a fronte del rischio di una deriva non più governabile anche in termini di ordine pubblico oltre che di servizio, sta preparandosi a formulare l’Autorità Regolatrice dei Trasporti, come potete leggere nel suo   comunicato del 22 gennaio, che vi invitiamo a leggere http://www.autorita-trasporti.it/comunicato-n-52/

 

 

In attesa di parlarne insieme all’Assemblea, un’ultima riflessione:

Chiamare il taxi tocca al cliente, non al tassista: può sembrare un’ovvietà, ma vuol dire

  • non limitare le possibilità di chiamata del cliente (quindi bene i Radiotaxi, se riescono a stare sul mercato per efficienza e costi, bene il NumeroUnico se il Comune lo realizza bene e a sue spese, bene gli smartphone, i tablet, le app da chiunque proposte e gestite), purchè nel rispetto delle regole
  • ai tassisti   l’impegno (e l’interesse!) a   farsi trovare il più rapidamente possibile ed il più vicino possibile al cliente…

noi vi aspettiamo numerosi all’assemblea dell’11 febbraio

per ragionare con tutti anche su questo argomento ed alla fine assumere, come Centro Servizi La Fontana le decisioni e le iniziative più opportune.

Allegati:

1- Approfondimento temi Assemblea