Category Archives: Comunicazioni Categoria

LA FONTANA: ANTITRUST, COOPERATIVE TAXI MILANO: NOSTRO MODELLO ORGANIZZATIVO DIFENDE IL MERCATO LIBERO

ARTICOLO PUBBLICATO DA CONFCOOPERATIVE LOMBARDIA

Le cooperative La Fontana e Medardo Rosso con Confcooperative Lavoro e Servizi Lombardia ripartono dal “modello Milano” e dal “Bacino Aeroportuale Lombardo”

“La recente sentenza dell’Antitrust conferma la validità e l’attualità del nostro modello organizzativo che applica alla lettera i principi della porta aperta e dell’adesione libera e volontaria dei soci che comprende la libera scelta della piattaforma tecnologica e del numero telefonico a cui appoggiarsi per le richieste di servizio da parte dei cittadini. Il servizio taxi continua ad essere un servizio pubblico, e per la sua ottimale funzionalità va privilegiato il livello regionale o ‘di bacino’, sia regolatorio che di servizio, facendo leva sull’esistenza in Lombardia del Bacino Areoportuale (l’asse Linate, Malpensa, Orio al Serio) e  tenendo conto che le richieste oggi possono arrivare anche con canali diversi, oltre che da città diverse, anche all’interno del libero mercato europeo dei servizi”. È questo il commento delle cooperative La Fontana (che si occupa di formazione, assistenza e servizi ai soci tassisti) e Medardo Rosso (che aggrega i tassisti come cooperativa di lavoro), associate a Confcooperative Lombardia Lavoro e Servizi, sul recente provvedimento dell’Antitrust che ha detto no all’esclusiva per i radiotaxi. Secondo quanto stabilito dal garante della concorrenza le clausole di esclusiva contenute negli atti che disciplinano i rapporti tra i principali operatori di radiotaxi attivi a Roma e Milano e i tassisti aderenti, “nella misura in cui vincolano ciascun tassista a destinare tutta la propria capacità operativa, in termini di corse per turno, ad un singolo radiotaxi, costituiscono reti di intese verticali restrittive della concorrenza” e devono quindi cessare. Un parere espresso dopo una segnalazione di Mytaxi, che dà tempo ora 120 giorni alle imprese coinvolte per avviare le dovute iniziative.

 

LA FONTANA: INFORMATIVA AI SOCI LUGLIO 2018 – STOP ALL’ESCLUSIVA PER I RADIOTAXI

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

   ha dichiarato ILLEGITTIMI

i comportamenti e le clausole di esclusiva dei Radiotaxi

   ha imposto ai Radiotaxi di

“ASTENERSI per il futuro dal porre in essere comportamenti analoghi…”

ha ordinato ai Radiotaxi di provvedere, entro 120 giorni

“ad ELIMINARE le intese restrittive della concorrenza

NEGLI ATTI che disciplinano i rapporti… con i tassisti aderenti”

impone ai Radiotaxi

entro centoventi giorni dalla notifica del presente provvedimento…” 

di dare “comunicazione all’Autorità, trasmettendo una specifica RELAZIONE SCRITTA, DELLE INIZIATIVE ADOTTATE..”

SCARICA IL PDF COMPLETO

SCARICA IL COMUNICATO DI FIT-CISL

CLAUSOLE DI ESCLUSIVA APPLICATE DAI RADIOTAXI A PROPRI TASSISTI VIOLANO LA CONCORRENZA: STOP DELL’ANTITRUST AI RADIOTAXI

COMUNICATO STAMPA

CLAUSOLE DI ESCLUSIVA APPLICATE DAI RADIOTAXI A PROPRI TASSISTI VIOLANO LA CONCORRENZA: STOP DELL’ANTITRUST AI RADIOTAXI DI ROMA E MILANO

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accertato che le clausole di esclusiva contenute negli atti che disciplinano i rapporti tra i principali operatori di radiotaxi attivi a Roma (Radiotaxi 3570 – Società Cooperativa, Cooperativa Pronto Taxi 6645 – Società Cooperativa, Samarcanda – Società Cooperativa) e Milano (Taxiblu Consorzio Radiotaxi Satellitare Società Cooperativa, Yellow Tax Multiservice S.r.l. e Autoradiotassì Società Cooperativa) e i tassisti aderenti, nella misura in cui vincolano ciascun tassista a destinare tutta la propria capacità operativa, in termini di corse per turno, ad un singolo radiotaxi, costituiscono reti di intese verticali restrittive della concorrenza in violazione dell’articolo 101 del TFUE.

 

COMUNICATO ALLA CATEGORIA

Si è svolta in data odierna, presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, una riunione tra rappresentanze di settore ed il vice ministro Nencini”.
Il vice ministro Nencini, alla luce dell’articolato dibattito svolto con le organizzazioni sindacali, ascoltando le motivazioni espresse nel confronto, si è impegnato a trovare un nuovo e più avanzato equilibrio, per la formulazione di un documento che recepisca quanto emerso.
Riscontrando la disponibilità del vice Ministro Nencini a tenere in giusta considerazione i chiarimenti necessari, relativi alla operatività territorialità degli operatori ncc, e alla regolamentazione delle piattaforme tecnologiche, valutiamo di mantenere lo stato di agitazione, differendo lo sciopero del prossimo 14 dicembre.
In attesa del prossimo incontro, invitiamo tutti i colleghi, a mantenere alto il livello di vigilanza.
Fit Cisl taxi, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Uti, Confail Taxi, Silt- Confcommercio.

RIASSETTO DEL SETTORE: ANALISI DEGLI ELEMENTI PRINCIPALI – DECRETO LEGISLATIVO – parte 2

Fatta salva la premessa, continuiamo ad approfondire i principi enunciati dal Ministero (MIT)…

NCC

CUMULABILITA’ di autorizzazione ncc e licenza taxi? (Oggi: cumulabili solo più autorizzazioni NCC. Aut. NCC e lic. taxi sono cumulabili solo per i natanti – cfr. art. 8.2 l. 21).

➢                  IPOTESI MIT: idem. NCC non cumulabile con taxi  salvo che per i natanti

 

TAXI

CUMULABILITA’ di autorizzazione ncc e licenza taxi? (Oggi: cumulabili solo più autorizzazioni NCC. Aut. NCC e lic. taxi sono cumulabili solo per i natanti).

➢                  IPOTESI MIT: Taxi non cumulabile con NCC tranne che per i natanti;

 

Va precisato quanto indicato dall’art. 8 co. 2 della L. 21/92. La licenza Taxi va riferita al singolo e non è ammesso il cumulo di licenze in capo ad un medesimo soggetto.

RIASSETTO DEL SETTORE: ANALISI DEGLI ELEMENTI PRINCIPALI – DECRETO LEGISLATIVO

Prima di passare all’analisi del documento proposto dal MIT, è doverosa una premessa.

Il processo di riforma della 21/92 è già in essere, a prescindere dall’esito del confronto con il governo sulla legge delega. E’infatti in corso l’iter di approvazione del decreto interministeriale che interviene a modificare e integrare alcuni punti della Legge Quadro.

A maggior ragione riteniamo utile valutare fino in fondo l’occasione di arrivare a una riforma, il più possibile condivisa, che sia un punto fermo su cui costruire il futuro della categoria.

Gli strumenti di protesta (presidi e scioperi) sono importanti e faticosi: giusto spenderli con dovuta proprietà.

 Ecco perché va fatto uno sforzo ulteriore di informazione e approfondimento dei temi in gioco.

Proviamoci:

RIASSETTO DEL SETTORE: ELEMENTI PRINCIPALI – DECRETO LEGISLATIVO

Schema riepilogativo dei punti di riassetto del settore, predisposto dal Ministero dei Trasporti (MIT), a seguito della riunione del 7/11 con le OoSs di categoria.
Seguiranno nei prossimi giorni approfondimenti su i singoli temi, in modo da dare a tutti la possibilità di seguire il percorso   della   riforma  con consapevolezza, serietà e cognizione dei fatti.

ELEMENTI PRINCIPALI – DECRETO LEGISLATIVO

Servizio di noleggio con conducente:

  1. NATURA DEL SERVIZIO: NCC è un servizio di natura pubblicistica o un servizio imprenditoriale puramente privato? Va contingentato o no?
  • NUOVA IPOTESI MIT, tenuto conto delle posizioni espresse dalle associazioni: il servizio di noleggio con conducente ha una connotazione privatistica, di pubblica utilità ed è contingentato;
  1. TERRITORIALITA’: continuare a riferirsi al livello comunale o introdurre ambiti territoriali più ampi, es. regionali?
    • IPOTESI MIT: ambito territoriale regionale

COMUNE DI MILANO – Referendum Consultivo Regionale 22/10/2017 – reclutamento tassisti per servizio trasporto disabili

referendum

 

Il Comune di Milano, Ufficio Autopubbliche ha inviato il seguente comunicato:

Referendum Consultivo Regionale 22/10/2017 – reclutamento tassisti per servizio trasporto disabili

… le adesioni per lo svolgimento del servizio verranno raccolte dall’ 11/9/2017 al 29/9/2017 presso l’Unità Autopubbliche in Via Messina 53 (orario sportello: lunedì-venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e dalle 14:00 alle 15:00).

Scarica qui il file con la comunicazione

DGR n. X/6658/2017 – TURNI BACINO AEROPORTUALE LOMBARDO

DGR n. X/6658/2017, con la quale  la Giunta Regionale:
•        ha approvato le prescrizioni tecniche in base alle quali devono essere realizzati e forniti i contrassegni dei turni di servizio dalle competenti strutture organizzative dei comuni integrati nel bacino aeroportuale, a spese del titolare della licenza;
•        ha stabilito l’applicazione della tabella dei turni di servizio di cui agli allegati B.1 e B.2 della DGR n. X/6025/2016, prevista per il 1 giugno p.v., a partire dal 1/12/2017.

Si rammenta che i nuovi contrassegni dovranno essere utilizzati dai comuni a partire dal 1/12/2017, quando entrerà in vigore la tabella dei turni di servizio di cui alla  DGR n. X/6025/2016.

LA FIT CISL LOMBARDIA ADERISCE ALLO SCIOPERO DEL 23 MARZO

 

LA FIT CISL LOMBARDIA ADERISCE ALLO SCIOPERO DEL 23 MARZO!

La Fit Cisl Lombardia aderisce allo sciopero nazionale dei taxi del 23 marzo: FIT CISL
lo ha sottoscritto a Roma all’assemblea nazionale e lo conferma oggi a Milano
(qualcuno, presente a Roma, adesso ha deciso che no, non si sciopera più, perché
“ la rivoluzione dei taxi” a Milano può cominciare solo alle “Stelline”… !)

noi non condividiamo i toni ultimativi, ma

la determinazione a pretendere dialogo e risposte di merito

perché i problemi, per diventare soluzioni vanno discussi e non branditi come una minaccia…

noi non condividiamo la paura ed il rifiuto della tecnologia  
(web e app nella Delega al Governo…), perché la consideriamo futuro e opportunità anche
per il nostro lavoro e per il servizio taxi:
noi chiediamo regole certe e un quadro di legalità vigilato!

noi non gridiamo forte solo al Governo la nostra delusione!
per le sue risposte mancate,
dalla piazza noi chiamiamo anche  
 Comune e Regione!!
per ricordare loro, che il servizio taxi è una loro competenza   istituzionale verso i tassisti oltre
che un loro dovere verso i cittadini
Le Amministrazioni locali sono sparite: eppure è soprattutto loro la competenza e la
responsabilità costituzionale in questa partita:
a Roma, come a Milano e in ogni altra città

Presidente di Lombardia!  Sindaco di Milano!  

quanto contribuisce a mettere il taxi alla mercé dell’illegalità

ad indebolirne competitività ed efficienza, spendere soldi pubblici per il

NUMERO UNICO COMUNALE DI CHIAMATA 

e poi non trovare il coraggio di sostenerlo e di pubblicizzarlo, non trovare la capacità di

armonizzare il sistema pubblico con gli altri sistemi di chiamata,

non intervenire con determinazione nel renderlo disponibile ai cittadini difendendo il diritto di

utilizzarlo da parte di tutti i tassisti?

Vogliamo risposte!
 non le dovete solo ai tassisti, le dovete a tutti i cittadini!

scarica e diffondi il pdf

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie, anche da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie di terze parti (Google, Facebook, ecc..) per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicca su "Accetta" e permetti il loro utilizzo. Per visualizzare la privacy policy sull'utilizzo dei cookies premi qui

Chiudi